E.C. Marinoni - Osteoporosi- le nuove prospettive in ortopedia e traumatologia (Corsi di perfezionamento in ortopedia e traumatologie) (2006)

June 23, 2018 | Author: Anonymous | Category: Каталог , Без категории
Share Embed


Short Description

Download E.C. Marinoni - Osteoporosi- le nuove prospettive in ortopedia e traumatologia (Corsi d...

Description

Corsi di perfezionamento in ortopedia e traumatologia

a cura di U. DE NICOLA

U. DE NICOLA • E.C. MARINONI

Osteoporosi: le nuove prospettive in ortopedia e traumatologia

13

U. DE NICOLA UO di Ortopedia e Traumatologia Ospedale Ca’ Foncello Treviso

E.C. MARINONI Clinica Ortopedica dell’Università Milano-Bicocca, Ospedale S. Gerardo, Monza

ISBN -10 88-470-0545-0 ISBN -13 978-88-470-0545-7

Springer fa parte di Springer Science+Business Media springer.com © Springer-Verlag Italia 2006 Quest’opera è protetta dalla legge sul diritto d’autore. Tutti i diritti, in particolare quelli relativi alla traduzione, alla ristampa, all’utilizzo di illustrazioni e tabelle, alla citazione orale, alla trasmissione radiofonica o televisiva, alla registrazione su microfilm o in database, o alla riproduzione in qualsiasi altra forma (stampata o elettronica) rimangono riservati anche nel caso di utilizzo parziale. La riproduzione di quest’opera, anche se parziale, è ammessa solo ed esclusivamente nei limiti stabiliti dalla legge sul diritto d’autore, ed è soggetta all’autorizzazione dell’editore. La violazione delle norme comporta le sanzioni previste dalla legge. L’utilizzo in questa pubblicazione di denominazioni generiche, nomi commerciali, marchi registrati, ecc. anche se non specificatamente identificati, non implica che tali denominazioni o marchi non siano protetti dalle relative leggi e regolamenti. Responsabilità legale per i prodotti: l’editore non può garantire l’esattezza delle indicazioni sui dosaggi e l’impiego dei prodotti menzionati nella presente opera. Il lettore dovrà di volta in volta verificarne l’esattezza consultando la bibliografia di pertinenza.

Layout copertina: Simona Colombo, Milano Impaginazione: Graphostudio, Milano Stampa: Grafiche Porpora, Segrate (MI) Stampato in Italia

Prefazione

È oramai esperienza quotidiana la presenza nelle Unità Operative di Ortopedia e Traumatologia di pazienti sempre più anziani affetti da fratture da fragilità ossea. Le sedi più frequentemente interessate sono l’epifisi femorale prossimale, l’omero prossimale, il polso e la colonna vertebrale. Altrettanto frequente è la richiesta di interventi di artroplastica totale dell’anca e del ginocchio in pazienti affetti da patologie articolari degenerative associate a osteoporosi, così come anche di interventi di revisione e sostituzione di artroprotesi mobilizzate. Secondo i dati statistici diffusi dalla World Health Organization, la probabilità che una donna di razza bianca vada incontro dopo la menopausa a una frattura osteoporotica è di circa il 40%, mentre nei maschi, dopo i 50 anni, tale rischio è di circa il 13%. Le fratture da osteoporosi, in particolare quelle del femore, e le loro conseguenze, hanno un impatto molto importante in termini di invalidità, mortalità e di costi socio-economici. Questi ultimi vengono stimati, in Italia, intorno ai 500 milioni di Euro annui per le sole spese ospedaliere. Abbiamo ritenuto utile fare il punto della situazione riproponendo in modo sistematico e didattico l’eziopatogenesi dell’osteoporosi, la classificazione delle fratture nelle sedi più frequentemente interessate nell’anziano, il loro trattamento chirurgico con i mezzi di sintesi più idonei per superare le difficoltà che la qualità dell’osso, l’età del paziente e le patologie associate ci pongono. Anche la chirurgia di sostituzione protesica delle articolazioni dell’anca e del ginocchio presenta in questi pazienti difficoltà del tutto particolari, soprattutto in considerazione della sempre maggior diffusione di questi interventi nell’anziano. Alla scelta delle artroprotesi più idonee, così come dei sistemi di fissazione da preferire di caso in caso, abbiamo dedicato un’intera sessione alla ricerca di soluzioni ottimali. Fondamentale è pertanto il ruolo dello specialista ortopedico, il quale si confronta quotidianamente con l’iter diagnostico e terapeutico finalizzato sia alla prevenzione delle fratture primarie e secondarie che al loro trattamento chirurgico. U. De Nicola

Indice

Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . U. DE NICOLA

V

Il ruolo dell’ortopedico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . P. BARTOLOZZI

1

Osteoporosi: la scienza di base, inquadramento, classificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . U. TARANTINO, I. CEROCCHI, A. ANDREOLI

3

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . A. CAUSERO, A. BELTRAME, P. DI BENEDETTO, E. CAMPAILLA

17

Le fratture da fragilità ossea: l’incompetenza meccanica del tessuto scheletrico . . . C. GARCIA PARRA, P.M. BOSELLI, C. TREVISAN, E.C. MARINONI

35

La terapia medica dell’osteoporosi: nuove prospettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . G. ISAIA, M. DI STEFANO

47

Osteosintesi in osteoporosi: come conciliare meccanica e biologia . . . . . . . . . . . . . . . . . C. LAZZARONE

59

Le fratture mediali del collo del femore nell’anziano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . E.C. MARINONI, A. COSSIO, A. ROSSI

75

Fratture laterali dell’estremità prossimale del femore nell’anziano . . . . . . . . . . . . . . . U. DE NICOLA, R. CIARLA, L. FELETTO, S. DE NICOLA, M. COLLODEL

89

Le fratture vertebrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111 P. BARTOLOZZI, A. SANDRI, L. BONOMETTO, D. REGIS, F. LAVINI Le fratture del terzo prossimale dell’omero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121 F. ODELLA, S. ODELLA

VIII

Indice

Le fratture del ginocchio e della caviglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133 A. PACE, F. RANDELLI, F. PACE Le fratture del gomito e del polso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147 A. CELLI, M.T. DONINI, C. MINERVINI La protesi d’anca cementata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165 G. CASTOLDI, V. NAVA, M. MATTAVELLI, S. SALA Le protesi d’anca non cementate: trattamento delle fratture di collo di femore nel paziente anziano osteoporotico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175 A. MORONI, F. PEGREFFI, V. LIO, S. GIANNINI Quale ruolo per le protesi d’anca di nuova generazione? . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185 F. CASELLA, G. PANEGROSSI, F. FAVETTI, F. FALEZ La protesi totale di ginocchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197 C. CASTELLI, F. BARBIERI, V. GOTTI La protesi monocompartimentale del ginocchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207 N. CONFALONIERI Il ruolo attuale dell’osteotomia di ginocchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221 F. BENAZZO, L. PIOVANI, R. VANELLI La mobilizzazione degli impianti protesici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235 U.E. PAZZAGLIA, G. ZARATTINI La mobilizzazione settica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247 C. ROMANÒ, E. MEANI La riprotesizzazione dell’anca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257 G. TURI, F. BARCARO, G. ZECCHINATO, P. BARBERA, M. BONATO La riprotesizzazione del ginocchio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269 L. DEL SASSO, C. CAVENAGO Periprosthetic fractures . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291 F. MASTROGIACOMO, G.L. MAISTRELLI

Il ruolo dell’ortopedico P. BARTOLOZZI

Dai dati che quotidianamente ci troviamo ad analizzare possiamo evincere quanto l’osteoporosi, come causa di fratture da fragilità ossea, imponga un impegno sempre maggiore da parte dell’ortopedico. La qualità dell’osso, soprattutto se scadente, condiziona in maniera preponderante il successo di un intervento chirurgico. È quindi compito dell’ortopedico non solo riconoscere e trattare le complicanze dell’osteoporosi come le fratture da fragilità, ma anche di prevenire il ripetersi di tali eventi. La chirurgia ortopedica si dedica sostanzialmente all’osso, alla sua manipolazione e trattamento. È proprio su tale osso, quando osteoporotico, che l’ortopedico individua in sede operatoria le alterazioni della struttura, dell’architettura e della resistenza meccanica. Tale resistenza diventa fondamentale per la riuscita dell’intervento e per qualunque tipo di trattamento in sede di frattura. Una conoscenza quanto più profonda possibile delle caratteristiche biomeccaniche del tessuto è molto importante. L’ortopedico molto spesso svolge un ruolo solo chirurgico, tralasciando aspetti quali l’accertamento, la quantificazione dell’osteoporosi nonché la terapia farmacologica. È dato accertato che vi sia un rischio esponenzialmente elevato di rifrattura per un soggetto già fratturato in osteoporosi. In assenza di adeguata terapia anti-osteoporotica i processi di guarigione sono più lenti, la risposta del tessuto osseo alla sintesi chirurgica è inadeguata. Il supporto farmacologico atto a ridurre il rischio di ulteriori fratture è quindi necessario. La chirurgia non può da sola risolvere il problema. La scelta del tipo di trattamento chirurgico è importante. I mezzi di sintesi endomidollari

Clinica Ortopedica e Traumatologica, Policlinico Universitario G.B. Rossi, Verona

2

P. Bartolozzi

dovrebbero essere preferiti a quelli avvitati, onde evitare fenomeni di mobilizzazione indotti dalla scarsa tenuta di un osso particolarmente fragile. Tali trattamenti implicano una prosecuzione della cura anche presso il domicilio del paziente, allo scopo di monitorare l’evoluzione della patologia. Per raggiungere questo obiettivo è necessaria la stretta collaborazione tra ortopedico e medico di base. Questo tipo di interfaccia permetterà al paziente di essere seguito in maniera costante e proficua. L’ortopedico nel comunicare al medico di medicina generale la terapia idonea avrà così la possibilità di seguire il paziente sia dal punto di vista clinico che da quello chirurgico contribuendo alla miglioria del trattamento coadiuvato dalla compliance del paziente. Questo perché è stato osservato che il paziente partecipa al programma terapeutico tanto più a lungo quanto più è coinvolto dallo specialista ortopedico e dal medico di famiglia.

Osteoporosi: la scienza di base, inquadramento, classificazione U. TARANTINO1, I. CEROCCHI1, A. ANDREOLI2

Introduzione L’osso è un tessuto connettivo specializzato, costituito da una matrice extracellulare mineralizzata e da una componente cellulare. La matrice extracellulare del tessuto osseo è formata per il 40% da componenti organiche e per il 60% da componenti inorganiche. La componente organica è rappresentata da collagene, proteoglicani, proteine non collageniche, fattori di crescita e citochine. Il collagene è responsabile della forza elastica dell’osso [1]. Per il 90% si tratta di collagene di tipo I [2]. I proteoglicani (complessi di proteine e glicosaminoglicani) sono, in parte, responsabili della forza compressiva dell’osso ed inibiscono la mineralizzazione. Le proteine non collageniche stimolano la mineralizzazione e la formazione di tessuto osseo. Esse comprendono, tra le altre, l’osteocalcina, l’osteonectina e l’osteopontina. L’osteocalcina, prodotta dagli osteoblasti, è considerata un marker specifico del metabolismo osseo. Essa lega il calcio e l’idrossiapatite, richiama gli osteoclasti, ed è direttamente correlata alla regolazione della densità ossea. I livelli sierici ed urinari di osteocalcina, diminuiscono nelle condizioni in cui c’è un difetto di mineralizzazione, una ridotta attività del tessuto osseo, o una diminuzione dei livelli di 1,25-diidrossivitamina D. L’osteocalcina, al contrario, aumenta nella malattia di Paget, nell’osteodistrofia renale, e nell’iperparatiroidismo. Si ritiene che l’osteonectina, secreta da piastrine ed osteoblasti, abbia un ruolo nell’omeostasi del calcio, e nella distribuzione dei minerali all’interno della matrice. L’osteopontina è, invece, una proteina di adesione cellulare, simile ad una integrina [1].

1Dipartimento 2Fisiologia

di Ortopedia e Traumatologia, Università di Roma “Tor Vergata”; Umana, Università di Roma “Tor Vergata”

4

U. Tarantino, I. Cerocchi, A. Andreoli

La componente inorganica è costituita principalmente da fosfato di calcio, responsabile della forza compressiva dell’osso. Esso è analogo all’idrossiapatite cristallina, ma non è puro, perché contiene altri costituenti, come magnesio, potassio, stronzio, sodio, carbonati e fluoruri [3]. Le cellule specifiche del tessuto osseo sono gli osteoblasti, gli osteoclasti, gli osteociti ed i loro precursori. Gli osteoblasti sono responsabili della formazione di matrice ossea. Derivano da cellule staminali mesenchimali (di origine midollare o connettivale), e possono presentarsi come cellule meno attive metabolicamente, nelle cosiddette “resting regions”, o come cluster di cellule cuboidali più differenziate, che rivestono la superficie ossea, secernendo matrice osteoide. La proliferazione, la differenziazione, e l’attività degli osteoblasti, sono regolate da ormoni, quali estrogeni, androgeni, ormone della crescita, colecalciferolo, paratormone (PTH), leptina, fattori di crescita e citochine, quali Bone Morphogenic Proteins (BMPs), Transforming Growth Factor (TGF)-β, Insulin-like Growth Factor (IGF-1), Interleuchina-1, Interleuchina-6 [4]. Gli osteoblasti mostrano una intensa attività fosfatasica alcalina, e producono collagene di tipo I ed osteocalcina. La formazione, e la quantità, di matrice extracellulare vengono controllate, in larga misura, dal numero e dall’attività degli osteoblasti. Dopo la secrezione, alcuni osteoblasti restano inglobati nella matrice stessa, e diventano osteociti. Gli osteociti rappresentano il 90% delle cellule che popolano lo scheletro maturo, e sono responsabili del mantenimento del tessuto osseo. Essi sono localizzati nelle lacune osteocitarie, e sono dotati di lunghi processi, che formano un complesso sistema di canalicoli, che attraversa tutta la matrice. È probabile che il suddetto sistema consenta l’attivazione locale del rimodellamento osseo, in risposta a stimoli diversi [5]. Gli osteociti, direttamente stimolati dalla calcitonina, ed inibiti dal PTH, sono importanti nel regolare la concentrazione extracellulare di calcio e fosforo. Si ritiene inoltre che l’osteocita possa partecipare alla regolazione del turnover osseo in funzione degli stimoli meccanici [6, 7]. Gli osteoclasti sono cellule di grandi dimensioni e con nuclei multipli, responsabili del riassorbimento osseo. L’osteoclasta maturo si trova di solito a contatto con la superficie calcificata dell’osso, in una lacuna frutto della sua stessa attività riassorbitiva (lacuna di Howship). Gli osteoclasti hanno recettori specifici per la calcitonina, che consentono la regolazione diretta del riassorbimento osseo. L’interleuchina-1 stimola il riassorbimento osseo da parte degli osteoclasti, mentre l’interleuchina-10 sopprime la formazione di osteoclasti [1]. L’osso può assumere due diverse organizzazioni spaziali. La superficie esterna dell’osso è formata da uno strato denso e compatto di tessuto calcificato, la corticale, che rappresenta l’80% dello scheletro. Essa è una componente quasi esclusiva delle ossa piatte e lunghe, ed ha un comportamento anisotropo, cioè presenta maggiore resistenza alle forze che agiscono secondo il

Osteoporosi: la scienza di base, inquadramento, classificazione

5

suo asse verticale, quindi ha maggiore resistenza alla torsione ed alla flessione rispetto all’osso spugnoso [7, 8]. L’osso spugnoso è organizzato in trabecole, prevalentemente perpendicolari tra loro. Le trabecole verticali sono più spesse e sostengono il carico, mentre quelle orizzontali hanno la funzione principale di stabilizzare le trabecole verticali. La parte della struttura che non è occupata da tessuto osseo, ospita midollo, vasi sanguigni e tessuto connettivo [8]. Quindi, poiché riassorbimento e formazione d’osso avvengono sulle superfici ossee che si trovano a contatto con il midollo e con i tessuti molli, l’osso spugnoso è 6-8 volte più attivo, dal punto di vista metabolico, rispetto all’osso corticale [5]. Oltre l’85% del volume dell’osso compatto è mineralizzato, mentre lo è solo il 2040% dell’osso spugnoso. Per quanto riguarda la funzione, quella dell’osso corticale è principalmente strutturale (meccanica e protettiva), mentre l’osso trabecolare ha funzione per lo più metabolica, nonostante sia essenziale per distribuire il carico dalla superficie articolare alla corticale ossea [9]. L’osso trabecolare è quello meno denso, e la resistenza dell’osso alla compressione è proporzionale al quadrato della densità. Le fratture privilegiano, di conseguenza, le sedi in cui l’osso spugnoso è più rappresentato [8]. L’osteoporosi (dal greco osteon: osso e poros: foro) è stata definita dalla World Health Organization (WHO) nel 1993 come una “patologia progressiva dello scheletro, caratterizzata da riduzione della massa ossea e deterioramento della microarchitettura, cui consegue un aumento della fragilità ossea e della suscettibilità alle fratture” [10] (Fig.1).

Fig.1. Radiografia laterale della colonna vertebrale. Donna di 76 anni con deformità vertebrali multiple e pregresse fratture a bassa energia di femore, polso e gomito

6

U. Tarantino, I. Cerocchi, A. Andreoli

Nel 2001, il National Institute of Health (NIH) degli Stati Uniti, ha elaborato una nuova definizione, secondo la quale “l’osteoporosi è un disordine scheletrico caratterizzato da una riduzione della resistenza ossea, che predispone a un aumento del rischio di frattura. La resistenza ossea riflette l’integrazione tra densità e qualità dell’osso” (NIH Consensus Development Panel on Osteoporosis, 2001). Alle precedenti, si affianca una definizione basata sui valori di BMD (Bone Mineral Density), alla luce della quale si pone diagnosi di osteoporosi quando la densità ossea è ridotta ad un valore che predispone alle fratture da trauma minimo (“soglia di frattura”). Questa soglia è stata stabilita dall’OMS, e si determina come segue: - la BMD del paziente viene confrontata con quella normale, definita come valore medio nelle donne caucasiche sane in età pre-menopausale (T score); - un T score ≤ -1 Deviazioni Standard (DS) indica una BMD normale; - un -2,5 70 anni e uomini > 80 anni, con un rapporto F:M di 2:1. Aumenta l’attività osteoclastica e si riduce la deposizione minerale sia nell’osso trabecolare che corticale. Il processo è lento e di lunga durata e le fratture sono più frequenti a livello di vertebre (cuneizzazione), tibia ed omero prossimali, femore (fratture laterali). Nell’osteoporosi di tipo II è più frequente osservare una ipercifosi dorsale. Calcemia e fosforemia sono solitamente normali, la fosfatasi alcalina aumenta in presenza di fratture, la calciuria è normale e l’attività del PTH è aumentata. Risultano diminuiti sia la conversione renale della vitamina D3 (per ridotta risposta enzimatica) che l’assorbimento intestinale di calcio. - osteoporosi giovanile ed idiopatica dell’età adulta:

12

-

U. Tarantino, I. Cerocchi, A. Andreoli

hanno una patogenesi poco conosciuta; quella giovanile è spesso transitoria. osteoporosi post-gravidica: sembra facilitata da una dieta povera di calcio negli ultimi mesi di gravidanza.

L’osteoporosi secondaria può essere sistemica o distrettuale. Cause possibili di osteoporosi secondaria sistemica sono: - malattie endocrine (es. ipertiroidismo, iperparatiroidismo); - malattie gastrointestinali (es. malassorbimento, epatopatie); - malattie ematologiche (es. mieloma multiplo, leucemie); - malattie del tessuto connettivo (es. osteogenesi imperfetta, sindrome di Marfan); - malattie reumatiche (es. artrite reumatoide); - assunzione di farmaci (es. corticosteroidi, antiepilettici, eparina). Le principali cause di osteoporosi secondaria distrettuale sono: - traumi; - disuso; - algo-neuro-distrofie [8].

Fattori di rischio e prevenzione I fattori di rischio per lo sviluppo di osteoporosi possono essere distinti in: non modificabili (storia personale o familiare di fratture, razza caucasica o asiatica, età avanzata, sesso femminile, demenza) e potenzialmente modificabili (bassa BMD, basso peso corporeo, fumo, eccesso di alcool, deficit di estrogeni, insufficiente assunzione di calcio, scarsa attività fisica) [46]. Un eccessivo consumo di alcool sembra essere un fattore di rischio significativo per l’osteoporosi, soprattutto negli uomini. Nell’abuso di alcool, è stata riscontrata una minore neoformazione ossea, legata, probabilmente, ai deficit alimentari, alle epatopatie, e ai ridotti livelli di testosterone. Il fumo si associa ad un aumentato rischio di fratture dello scheletro appendicolare ed assiale sia negli uomini che nelle donne, riducendo l’effetto protettivo dell’obesità e degli estrogeni. Probabilmente, nella perdita di tessuto osseo associata al fumo, sono implicate una riduzione nella produzione ed una accelerata degradazione degli estrogeni [47]. Altri fattori che contribuiscono sono l’immobilità prolungata, tutte le cause di deficit di estrogeni, tra cui amenorrea e menopausa precoce, e le condizioni di malassorbimento [48]. In presenza di fattori di rischio, è importante mettere tempestivamente in atto delle misure preventive efficaci, farmacologiche e non.

Osteoporosi: la scienza di base, inquadramento, classificazione

13

Conclusioni Importanti passi avanti sono stati compiuti nella comprensione dei meccanismi che regolano il turnover ed il metabolismo osseo, e nella conoscenza dei fattori di rischio per osteoporosi e fratture. È quindi necessario che chi opera in ambito ortopedico sia consapevole della propria responsabilità nello sviluppo di protocolli clinici e linee guida che assicurino ai pazienti una prevenzione ottimale, un’assistenza ed un trattamento appropriati [49]. La ricerca ha ottenuto dati positivi sugli effetti che alcuni alimenti hanno nello stimolare la produzione di BMPs (Bone Morphogenic Proteins) ed il loro effetto sulla formazione dell’osso [50]. È stato inoltre dimostrato che le statine e i flavonoidi contenuti nei cibi promuovono la formazione di osso. La prevenzione deve quindi comprendere anche interventi nutrizionali [50]. Infine, la scoperta di mutazioni patogene e di varianti genetiche associate a cambiamenti della massa e dell’architettura ossea hanno portato a nuove prospettive per la prevenzione ed il trattamento dell’osteoporosi.

Bibliografia 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. 8.

9. 10. 11.

12. 13.

Miller MD (2000) Review of Orthopaedics, 3rd Edition. WB Saunders, Philadelphia Simon SR (1994) Orthopaedic Basic Science, 2nd Edition. Rosemont, IL, American Academy of Orthopaedic Surgeons Baron R (2003) Anatomy and Ultrastructure of Bone, 5th Primer on Metabolic Bone Diseases and Disorders of Mineral Metabolism Ducy P, Schinke T, Karsenty G (2000) The osteoblast: a sophisticated fibroblast under central surveillance. Science 289:1501-1504 Bouxsein M (2006) Bone structure and function, 15th IOF Advanced Training Course on Osteoporosis, Lione Bilezikian JP, Raisz LG, Rodan GA (2002) Principles of bone biology, 2nd Edition. Academic Press, San Diego Brinker MR, Miller MD (1999) Fundamentals of Orthopaedics. WB Saunders, Philadelphia Negrini S, Ortolani S, Gandolini G, Trevisan C per il Gruppo di Studio della Scoliosi e delle Patologie Vertebrali (1993) L’attività fisica nella prevenzione dell’osteoporosi Kaplan FS, Hayes WC, Keaveny TM (1994) Form and function of bone, orthopaedic basic science. American Academy of Orthopaedic Surgeons, Rosemont WHO Consensus Development Conference: diagnosis, prophylaxis and treatment of osteoporosis. Am J Med 94:646-650 International Osteoporosis Foundation (2005) The facts about osteoporosis and its impact. IOF Web site. Available at: http://www.osteofound.org/press_centre/ fact_sheet.html. Accessed July 26, 2005 Lane NE (2006) Epidemiology, etiology, and diagnosis of osteoporosis. Am J Obst and Gyn 194:S3–S11 Lauritzen JB, Schwarz P, Lund B et al (1999) Changing incidence and residual lifetime risk of common osteoporosis-related fractures. Ost Int 3:127-132

14 14. 15.

16. 17. 18. 19.

20. 21. 22. 23. 24. 25. 26. 27. 28.

29.

30.

31. 32.

33. 34.

35.

U. Tarantino, I. Cerocchi, A. Andreoli Dreinhofer KE, Féron J-M, Herrera A et al (2004) Orthopaedic surgeons and fragility fractures. J Bone Joint Surg Br 86:958-961 Robinson CM, Royds M, Abraham A et al (2002) Refractures in patients at least forty-five years old: a prospective analysis of twenty-two thousand and sixty patients. J Bone Joint Surg Am 84:1528-1533 Jepsen K (2003) The aging cortex: to crack or not to crack. Ost Int 14[Suppl 5]:S57 Currey JD (2001) Bone strength: what are we trying to measure? Calcif Tiss Int 68:205–210 Burr D (2002) The contribution of the organic matrix to the bone’s material properties. Bone 31:8-11 Efstathiadou Z, Tsatsoulis A, Ioannidis JP (2001) Association of collagen I alpha 1 Sp1 polymorphism with the risk of prevalent fractures: a meta-analysis. J Bone Miner Res 16:1586–1592 Lee K, Jessop H, Suswillo R et al (2003) Endocrinology: bone adaptation requires oestrogen receptor-alpha. Nature 424:389 Burr DB (2002) Targeted and non-targeted remodeling. Bone 30:2-4 Martin RB (2003) Fatigue Microdamage as an essential element of bone mechanics and biology. Calcif Tiss Int 73:101-107 Burr DB, Martin RB (1993) Calculating the probability that microcracks initiate resorption spaces. J Biomech 26:613-616 Cheng XG, Nicholson PHF, Lowet G et al (1997) Prevalence of trabecular microcallus formation in the vertebral body and the femoral neck. Calcif Tiss Int 60:479–484 Currey JD (1981) What is bone for? Propertyfunction relationships in bone. In: Cowin SC (ed) Mechanical properties of bone. ASME, New York, pp 13–26 Currey JD (1984) The mechanical adaptations of bones. Princeton University Press, Princeton, NJ Ioannidis JP, Ralston SH, Bennett ST et al (2004) Differential genetic effects of ESR1 gene polymorphisms on osteoporosis outcomes. JAMA 292:2105–2114 Pasco JA, Henry MJ, Kotowicz MA et al (2004) Seasonal periodicity of serum vitamin D and parathyroid hormone, bone resorption, and fractures: the Geelong Osteoporosis Study. J Bone Miner Res 19:752–758 Rittweger J, Frost HM, Schiessl H et al (2005) Muscle atrophy and bone loss after 90 days’ bed rest and the effects of flywheel resistive exercise and pamidronate: results from the LTBR study. Bone 36:1019-1029 Bekker PJ, Holloway DL, Rasmussen AS et al (2004) A single-dose placebo-controlled study of AMG 162, a fully human monoclonal antibody to RANKL, in postmenopausal women. J Bone Miner Res 19:1059–1066 Lacey DL, Timms E, Tan HL et al (1998) Osteoprotegerin ligand is a cytokine that regulates osteoclast differentiation and activation. Cell 93:165-176 Kong YY, Yoshida H, Sarosi I et al (1999) OPGL is a key regulator of osteoclastogenesis, lymphocyte development and lymph-node organogenesis. Nature 397:315323 Emery JG, McDonnell P, Burke MB et al (1998) Osteoprotegerin is a receptor for the cytotoxic ligand TRAIL. J Biol Chem 273:14363-14367 Lee SK, Lorenzo JA (1999) Parathyroid hormone stimulates TRANCE and inhibits osteoprotegerin messenger ribonucleic acid expression in murine bone marrow cultures: correlation with osteoclast-like cell formation. Endocrinology 140(8): 3552-3561 Kitazawa S, Kajimoto K, Kondo T, Kitazawa R (2003) Vitamin D3 supports osteoclastogenesis via functional vitamin D response element of human RANKL gene

Osteoporosi: la scienza di base, inquadramento, classificazione

36.

37.

38.

39.

40.

41. 42.

43. 44. 45.

46.

47. 48.

49. 50.

15

promoter. J Cell Biochem 89:771-777 Hofbauer LC, Gori F, Riggs BL, Lacey DL (1999) Stimulation of osteoprotegerin ligand and inhibition of osteoprotegerin production by glucocorticoids in human osteoblastic lineage cells: potential paracrine mechanisms of glucocorticoidinduced osteoporosis. Endocrinology 140:4382-4389 Eghbali-Fatourechi G, Khosla S, Sanyal A, et al (2003) Role of RANK ligand in mediating increased bone resorption in early post-menopausal women. J Clin Invest 111:1221–1230 Langdahl BL, Carstens M, Stenkjaer L, Eriksen EF (2002) Polymorphisms in the osteoprotegerin gene are associated with osteoporotic fractures. J Bone Miner Res 17:1245–1255 Van Limborgh J (1982) Factors controlling skeletal morphogenesis. In: Dixon AD, Sarnat BG (eds) Factors and mechanisms influencing bone growth: Proceedings of the International Conference Held at the University of California, Center for the Health Sciences, Los Angeles, California, January 5-7, 1982. New York, NY: Alan R Liss Inc; pp 1-17 Buckwalter JA, Glimcher MJ, Cooper RR, Becker R (1996) Bone biology, part I: structure, blood supply, cells, matrix, and mineralization. Instr Course Lect 45:371386 Downey PA, Siegel MI (2006) Bone biology and the clinical implications for osteoporosis. Phys Ther 86:77-91 Fang J, Freeman R, Jeganathan R, Alderman MH (2004) Variations in hip frattura hospitalization rates among different race/ethnicity groups in New York City. Ethn Dis 14:280-284 Gong Y, Slee RB, Fukai N et al (2001) LDL receptor-related protein 5 (LRP5) affects bone accrual and eye development. Cell 107:513-523 Boyden LM, Mao J, Belsky J et al (2002) High bone density due to a mutation in LDL receptor-related protein 5. N Engl J Med 346:1513-1521 Geoffroy V, Kneissel M, Fournier B et al (2002) High bone resorption in adult aging transgenic mice overexpressing cbfa1/runx2 in cells of the osteoblastic lineage. Mol Cell Biol 22:6222-6233 Andreoli A, De Lorenzo A, Van Loan M et al (2001) Effects of differents sports on bone density and muscle mass in highly trained athletes. Medicine Sport Science Exercise 33:507-511 Rosen CJ (2005) Post-menopausal Osteoporosis. N Engl J Med 6:353 Kanis JA, Black D, Cooper C, Dargent P et al, on behalf of the International Osteoporosis Foundation and the National Osteoporosis Foundation USA (2002) A new approach to the development of assessment guidelines for osteoporosis. Ost Int 13:527-536 Dreinhofer KE, Anderson M, Feron JM et al (2005) Multinational survey of osteoporotic fracture management. Ost Int 16[Suppl 2]:S44-53 Mundy GR (2006) Nutritional modulators of bone remodelling during aging. Am J Clin Nutr 83:427S-430S

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi A. CAUSERO, A. BELTRAME, P. DI BENEDETTO, E. CAMPAILLA

Introduzione L’osteoporosi è la malattia dell’osso più comune nella pratica clinica. La sua incidenza aumenta con l’età sino ad interessare la maggior parte della popolazione oltre l’ottava decade di vita. Negli Stati Uniti ne sono affetti oltre 25 milioni di persone [1, 2], mentre in Italia si stima che ci siano oggi, circa 3,5 milioni di donne ed 1 milione di uomini affetti da osteoporosi. Poiché nei prossimi 20 anni la percentuale della popolazione italiana al di sopra dei 65 anni d’età aumenterà del 25%, ci si deve attendere un proporzionale incremento dell’incidenza dell’osteoporosi. Il rischio di andare incontro ad una frattura su base osteoporotica a carico del radio, dei corpi vertebrali o del femore prossimale è di circa il 15% per ogni sito sopraelencato e raggiunge il 40% per un qualsiasi sito. Nella popolazione italiana oltre i 50 anni il numero di fratture di femore supera le 55.000 per anno, mentre le sole alterazioni morfologiche vertebrali sono state riscontrate in più del 20% dei soggetti d’età superiore ai 65 anni di entrambi i sessi. I tassi di morbilità e di mortalità correlati a fratture osteoporotiche sono molto alti, infatti i pazienti con frattura del femore prossimale presentano entro un anno dalla frattura, un tasso di mortalità del 20%. Il 50% delle donne con frattura di femore presenta inoltre una consistente riduzione del livello di autosufficienza (non è più in grado di deambulare senza assistenza) e, in circa il 25% dei casi, richiede un ricovero in ambiente protetto a lungo termine [3]. Poiché è comunemente accettato che una bassa densità minerale ossea

Dipartimento di Scienze Chirurgiche, Clinica Ortopedica e Traumatologica, Università degli Studi di Udine

18

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

(Bone Mineral Density, BMD) sia il fattore di rischio più importante per lo sviluppo di fratture in età avanzata, diventa importante identificare i pazienti a rischio il più precocemente possibile per poter adottare corrette misure terapeutiche. È stato dimostrato che un basso picco di densità minerale ossea (BMD) e un alto tasso di perdita ossea aumentano significativamente il rischio di frattura, con un rischio relativo di circa 2 volte. Negli ultimi dieci anni, diversi studi prospettici pubblicati in letteratura hanno suggerito che la BMD è un importante indice per predire il rischio di frattura [4-6], infatti la BMD giustifica il 60-80% della resistenza meccanica dell’osso. L’indagine densitometrica consente oggi di misurare in modo abbastanza accurato e preciso la massa ossea ed in particolare la sua BMD in g/cm2 di superficie ossea. Per la World Health Organization (WHO), la diagnosi densitometrica di osteoporosi si basa sulla valutazione della BMD con tecnica Dual-Energy Xray Absorptiometry (DEXA), comparata a quella media dei soggetti adulti sani dello stesso sesso (picco di massa ossea). La deviazione standard (DS) dal picco medio di massa ossea rappresenta l’unità di misura (T-score). È stato osservato che il rischio di frattura inizia ad aumentare in maniera esponenziale per valori di T-score inferiori a -2.5 DS, che secondo la WHO, rappresenta la soglia diagnostica per l’osteoporosi [7]. Nell’interpretare i risultati della BMD si utilizzano le seguenti definizioni: 1. Normale: T-score compreso fra +2,5 e –1,0 DS (la BMD del paziente è cioè fra 2,5 deviazioni standard sopra la media di un giovane adulto e 1 DS sotto la media di un giovane adulto). 2. Osteopenia (bassa BMD): T-score compreso tra –1,0 e –2,5 DS. 3. Osteoporosi: T-score inferiore a –2,5 DS. 4. Osteoporosi conclamata: T-score inferiore a –2,5 DS cui si associa contemporanea presenza di una o più fratture da fragilità ossea. Bisogna tuttavia ricordare che si tratta solo di una diagnosi strumentale e che può tradursi in diagnosi clinica solo dopo una valutazione complessiva del singolo paziente [8]. Inoltre, non si deve dimenticare che la soglia diagnostica in T-score non coincide con la soglia terapeutica, poiché altri fattori scheletrici ed extrascheletrici condizionano il rischio di frattura del singolo soggetto e, quindi, la decisione di intraprendere o meno un trattamento. Questi fattori sono: una precedente frattura da fragilità, la familiarità per fratture da fragilità, l’età avanzata, il sesso femminile, l’etnia asiatica, bianca o ispanica, la menopausa precoce o iatrogena, una storia di prolungata amenorrea, un basso assorbimento di calcio, una carenza di vitamina D, l’immobilizzazione prolungata o una vita sedentaria, il fumo etc. Marshall e coll., nella loro metanalisi, hanno concluso che “la misurazione della BMD può predire il rischio di frattura ma non è in grado di identificare singolarmente chi avrà una frattura” [9] (Fig. 1).

19

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi

100% 80% 60%

60% 40% 20% 0%

25% 15%

-2,5

Fig. 1. Prevalenza delle fratture osteoporotiche in base alla BMD (T-score)

I vari fattori di rischio presentano un effetto cumulativo nella determinazione del rischio di frattura, quindi la loro completa identificazione è fondamentale nella corretta valutazione dell’entità del rischio di un soggetto. Per poter meglio identificare i pazienti con un elevato rischio di frattura, è necessario dividere i fattori di rischio in due categorie distinte: quelli che aumentano la probabilità di avere una frattura a causa della bassa massa ossea e quelli che aumentano il rischio di frattura indipendentemente dalla massa ossea (ad esempio quelli che aumentano il rischio di cadute) [10]. Da questa evidenza deriva che la sola valutazione della massa ossea è adeguata per la diagnosi di osteoporosi (soglia diagnostica) ma non è sufficiente per identificare correttamente un soggetto a rischio di frattura (soglia terapeutica). Quindi i fattori di rischio per ridotta massa ossea vengono in genere utilizzati per identificare i soggetti da sottoporre a screening densitometrico, mentre i fattori di rischio di frattura osteoporotica indipendenti dalla massa ossea possono essere utilizzati per ragioni prognostiche e quindi per definire la soglia di intervento terapeutico [11, 12].

Esame densitometrico La densità scheletrica può essere valutata con varie tecniche genericamente definibili come densitometria ossea o Mineralometria Ossea Computerizzata (MOC). Questa indagine consente oggi di misurare in modo abbastanza accurato e preciso (Tabella 1) la massa ossea e rimane il miglior predittore del rischio di fratture osteoporotiche.

20

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

Tabella 1. Accuratezza e precisione Accuratezza

Precisione

Corrispondenza del valore stimato con quello vero, cioè lo scarto tra il valore della misura ottenuta e la quantità realmente esistente di contenuto minerale del campione di riferimento

Riproducibilità della misura in controlli seriati nel tempo

Fino ad alcuni anni fa la BMD veniva calcolata attraverso i radiogrammi standard, andando ad analizzare lo spessore dell’osso compatto sulla radiografia [13]. In seguito, sono state sviluppate tecniche diverse per la ricerca del miglior metodo di valutazione della BMD, perseguendo l’obiettivo di una maggior precisione, di un minor costo e di una minor esposizione del paziente alle radiazioni ionizzanti. L’indagine densitometrica si basa sul confronto dei valori ottenuti con quelli medi di soggetti adulti sani dello stesso sesso (picco di massa ossea). L’unità di misura è rappresentata dalla deviazione standard dal picco medio di massa ossea, ovvero il T-score. Il valore misurato può anche essere espresso in raffronto al valore medio di soggetti di pari età e sesso (Z-score). Non bisogna dimenticare però che secondo la WHO il valore soglia per la diagnosi di osteoporosi (T-score < -2,5 DS) è applicabile attualmente solo ai valori densitometrici ottenuti con tecnica DEXA [14]. Le diverse apparecchiature per la misura della BMD sono mostrate in Tabella 2. Tabella 2. Densitometria ossea: metodiche strumentali Tecniche per misurazione densitometria ossea (BMD) Single Photon Absorbimetry (SPA) Single X-ray Absorbimetry (SXA) Dual Photon Absorbimetry (DPA) Dual X-ray Absorbimetry (DXA) Morphometric X-ray Absorbimetry (MXA) Quantitative Computed Tomography (QCT) Single Energy QCT (SEQCT) Dual Energy QCT (DEQCT) Peripheral QCT (pQCT) Quantitative Ultrasound/Ultrasonometry (QUS) Quantitative Magnetic Resonance (QMR) da Gowin G, JCD 1998

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi

21

Tecniche diagnostiche Assorbimetria a singolo fotone (SPA) Nell’assorbimetria a singolo fotone, un singolo tipo di fotone emesso da una singola sorgente radioattiva viene fatto passare attraverso un osso periferico, solitamente il radio o il calcagno. La densità ossea è valutata dal grado d’attenuazione di questo fascio di raggi X. Questo tipo di metodica può però essere utilizzata solo su siti periferici.

Assorbimetria a doppio fotone (DPA) Utilizza due tipi differenti di fotoni ottenuti da un radioisotopo. Poiché i due fotoni sono attenuati in maniera diversa dai tessuti molli e dall’osso, la densità ossea può essere stimata in maniera accurata malgrado l’interferenza dei tessuti molli. Grazie a queste caratteristiche, la DPA permette di misurare la BMD in siti clinicamente importanti come il rachide e il femore prossimale.

Dual-Energy X-ray Absorptiometry (DEXA) La densitometria ossea è oggi eseguita quasi esclusivamente con la tecnica a doppio raggio X (DEXA). Questa metodica permette di valutare il Bone Mineral Content (BMC, g/cm di segmento osseo) e la Bone Mineral Density (BMD, g/cm3 di segmento osseo) virtualmente su ogni segmento scheletrico. I siti più frequentemente misurati sono la colonna vertebrale(da L1 a L4), il femore prossimale, l’epifisi distale del radio [15], il calcagno, il “total body” e i piccoli animali (Tabella 3).

Tabella 3. Siti di analisi della DEXA Siti d’analisi della DEXA 1.

rachide in AP

2.

femore

3.

avambraccio

4.

rachide in laterale

5.

total body

6.

metal removal

7.

small animal *

* studio articolazioni in pazienti con AR

22

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

L’accuratezza della misurazione densitometrica è minacciata da diverse possibili condizioni interferenti che vanno sempre considerate da chi referta o utilizza il macchinario, come la presenza di osteofiti, calcificazioni pancreatiche o aortiche, calcoli renali, etc.. Per esempio, la valutazione densitometrica del rachide lombare è spesso poco accurata dopo i 65 anni per l’interferenza degli osteofiti vertebrali, di addensamenti artrosici, di calcificazioni extra-scheletriche o per la presenza di fratture vertebrali. Per queste ragioni la valutazione della densità ossea femorale in questi casi può essere preferibile. Nella DEXA, due fotoni sono emessi da un tubo a raggi X invece che da una sorgente radioattiva, migliorando così la precisione rispetto alla DPA [16]. È la metodica di riferimento per la valutazione della BMD perché dà informazioni precise in siti clinicamente importanti con una minima esposizione alle radiazioni. Una tipica apparecchiatura DEXA è composta da un lettino su cui il paziente si distende e da un braccio a C mobile, con il tubo a raggi X posto sotto il paziente e il detettore al di sopra dello stesso. Il tubo a raggi X genera fasci di fotoni di due differenti livelli energetici, da cui il termine dual-energy. Un collimatore posto sotto il lettino limita lo spargimento dei fotoni e li direziona attraverso l’area di interesse. La differenza di attenuazione (riduzione in intensità) dei due fasci di fotoni, quando passano attraverso il tessuto corporeo di diversa composizione, distingue l’osso dai tessuti molli e permette di quantificare la BMD. Il tessuto più denso contiene più elettroni e permette a meno fotoni di attraversarlo e quindi di raggiungere il detettore. Un computer con un software dedicato completa il sistema DEXA. L’esposizione del paziente alle radiazioni è veramente bassa (1-5 µSv), mentre le radiazioni al di fuori dell’apparecchiatura sono quasi impercettibili (Tabella 4).

Tabella 4. Dosi assorbite in diverse procedure diagnostiche Dosi da esposizioni mediche RX colonna

60 µSv

Tratto GI con contrasto

2-9 mSv

Angiografia contrasto

5 mSv

TC spirale- MS

50 mSv

Scintigrafia renale

0,4 mSv

Scintigrafia ossea

3,6 mSv

DEXA

1-5 µSv

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi

23

Non è necessaria alcuna barriera di protezione per il tecnico o il medico che esegue l’esame; l’unica precauzione di sicurezza è che il tecnico non deve stazionare a meno di 2 metri dall’apparecchiatura mentre viene eseguita la scansione. La DEXA misura il contenuto minerale osseo (BMC, in grammi/cm) e l’area (BA, in cm2); quindi calcola la BMD in grammi/cm3 dividendo la BMC per la BA. La DEXA è solitamente utilizzata in proiezioni antero-posteriori ma per la valutazione del rachide può essere anche eseguita in proiezione laterale. Quest’ultima permette l’eliminazione dei processi spinosi, costituiti da osso corticale, dalle misurazioni della densità dei corpi vertebrali, limitando quindi l’analisi all’osso trabecolare. Inoltre, è meno influenzata dalla presenza di patologie degenerative delle articolazioni e può valutare meglio il rischio di frattura a livello del rachide rispetto alla DEXA in proiezione antero-posteriore [17, 18]. Tuttavia, la DEXA in proiezione laterale sembrerebbe avere degli errori di precisione maggiori rispetto a quella in antero-posteriore. A causa dell’utilizzo di radiazioni ionizzanti, seppure in dose molto bassa, la DEXA è controindicata in pazienti in stato di gravidanza o presunta tale. Anche le altre controindicazioni sono indicate in Tabella 5.

Tabella 5. Controindicazioni all’esecuzione della DEXA Controindicazioni all’esame DEXA Gravidanza Assunzione recente di mezzo di contrasto orale (2-6 giorni) Recente test con isotopi radioattivi (Tc 48 ore, I125 72 ore) Compliance del paziente all’esame Deformità spinali o mezzi di sintesi Displasia dell’anca Precedenti fratture del sito d’esame

Tomografia computerizzata quantitativa (QCT) Anche questa è una metodica per la valutazione della BMD a livello del rachide. Come la DEXA in laterale, la QCT applicata al rachide lombare permette di misurare in maniera distinta i compartimenti spongioso e corticale dei corpi vertebrali [19-21] e, quindi, di misurare la densità minerale ossea senza le interferenze date dai processi spinosi. Rispetto alla DEXA in antero-posteriore, la QCT è maggiormente precisa nel valutare il rischio di frattura a livello del rachide, in quanto la resistenza strutturale del corpo vertebrale è ovviamente correlata alle condizioni dell’osso trabecolare dei corpi vertebra-

24

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

li più che a quelle dell’osso corticale presente nei processi spinosi [22, 23]. Questa indagine strumentale consente di misurare oltre che la BMC e la BMD anche la densità reale (g/cm3 di tessuto) a livello di substrutture ossee (ad esempio componente trabecolare o corticale). Attualmente la QCT non è utilizzata a causa del costo, dell’elevata esposizione a radiazioni ionizzanti e della bassa riproducibilità dell’indagine. Oltre alla tomografia computerizzata quantitativa esiste una strumentazione dedicata allo studio di segmenti ossei periferici (p-QCT), ma la diffusione e l’esperienza clinica di questa metodica strumentale sono ancora limitate. L’indagine DEXA viene preferita alla TC quantitativa vertebrale per la sua precisione, i tempi di scansione minori, la calibrazione migliore, ma soprattutto per la minor dose di radiazioni ionizzanti e il minor costo.

Ultrasonografia Rappresenta una tecnica d’introduzione relativamente recente che permette l’analisi della densità ossea a livello dei siti periferici e utilizza ultrasuoni con un range di frequenza tra i 200 kHz e i 1,5 MHz, decisamente più basse rispetto a quelle utilizzate per le comuni ecografie [24]. Gli ultrasuoni quantitativi non misurano direttamente la densità o il contenuto minerale dell’osso, ma misurano la trasmissione degli ultrasuoni attraverso il tessuto o la riflessione delle onde sonore dalla superficie dell’osso. I parametri valutati attraverso la trasmissione degli ultrasuoni includono l’attenuazione degli ultrasuoni a banda larga (BUA), la velocità del suono (SOS), valutata attraverso la riflessione degli stessi, e l’indice combinato dell’ultrasuono quantitativo (QUI). Le misurazioni vengono solitamente eseguite a livello del calcagno, della rotula e delle falangi della mano. L’indagine ultrasonografica fornisce due parametri (velocità ed attenuazione) che sono indici indiretti di massa e integrità strutturale ossea. Questi indici (talora combinati in uno cumulativo) sono predittivi del rischio di frattura in donne in menopausa, in maniera non inferiore alla DEXA. I dati relativi alla popolazione maschile sono simili a quelli ottenuti nella popolazione femminile, ma non sono ancora validati. In diversi lavori pubblicati in letteratura è stato evidenziato come questa metodica abbia un discreto potere predittivo sul rischio di frattura [25, 26]. In uno studio prospettico su 6189 pazienti donne sopra i 65 anni la QUI a livello del calcagno ha ottenuto un potere predittivo del rischio di frattura del femore prossimale sovrapponibile a quello della DEXA. Ad ogni riduzione di una deviazione standard nella BUA calcaneare è associato un rischio relativo di 2 per frattura di femore prossimale [27]. Alle stesse conclusioni sono giunti Khaw e coll. in uno studio su 14824 pazienti sia maschi sia femmine di diverse età [28]. Gluer e coll. in uno studio condotto su 2837 donne hanno riscontrato che gli ultrasuoni quantitativi a livello del calcagno danno risultati

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi

25

sovrapponibili a quelli della DEXA per l’identificazione di donne ad alto rischio di fratture osteoporotiche vertebrali. La maggiore limitazione nell’uso di questa metodica per lo screening è dovuta al fatto che i criteri per la diagnosi dell’osteoporosi e per l’inizio di un eventuale trattamento non sono ancora ben stabiliti [29, 30]. Inoltre, gli ultrasuoni non possono essere attendibili per il follow-up delle pazienti in trattamento per l’osteoporosi a causa della limitata precisione e del basso grado di variazione della massa ossea a livello dei siti periferici. La gran parte delle donne con un elevato riscontro di rischio di frattura dopo ultrasonografia, necessitano quindi di una DEXA per confermare e determinare la necessità del trattamento basato su linee guida ben stabilite. Un’analisi costo/benefici ha studiato l’uso dell’ultrasonografia come metodica pre-screening per determinare quali donne necessitassero di una DEXA [31]. Mentre la sensibilità e la specificità erano alte per la diagnosi dell’osteoporosi (97% e 94% rispettivamente), l’utilizzo degli ultrasuoni per determinare quali donne necessitassero della DEXA non sembrava avere rapporto costo/beneficio favorevole rispetto alla sola DEXA. I potenziali vantaggi di questa tecnica, rispetto alle tecniche che misurano direttamente la densità dell’osso, includono il basso costo, l’accessibilità ai macchinari e l’assenza di esposizione alle radiazioni. L’ultrasonografia, che non misura direttamente la densità o il contenuto minerale osseo, non può essere usata per la diagnosi dell’osteoporosi secondo i criteri WHO. Oltre ad essere un’indagine operatore-dipendente, un ulteriore limite è l’ampia eterogeneità degli strumenti, che danno valori non correlabili tra loro. Nonostante alcuni studi abbiano dimostrato un significativo miglioramento dei parametri ultrasonografici, in particolare a livello del calcagno, in pazienti trattati con farmaci anti-riassorbitori (difosfonati), non è attualmente possibile raccomandare questa metodica per il monitoraggio terapeutico del singolo paziente. L’indagine ultrasonografica, anche considerando i costi relativamente più bassi rispetto alla DEXA, può essere raccomandata per uno screening di primo livello.

Assorbimetria radiografica La densità ossea a livello delle falangi può essere misurata usando una qualsiasi apparecchiatura a raggi X, posizionando un cuneo in alluminio standardizzato accanto alla mano durante l’esecuzione della radiografia. Questa viene quindi analizzata da un software che compara la densità radiografica del cuneo con quella delle falangi. Il vantaggio di questa metodica è che la valutazione della densità ossea viene eseguita usando un’apparecchiatura a raggi X convenzionale; lo svantaggio è che misura la densità ossea in un sito soprattutto corticale mentre andrebbe analizzato in particolar modo l’osso trabecolare (Tabella 6).

26

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

Tabella 6. Prevalenza del tessuto osseo nei vari siti di indagine Siti d’esame Trabecolare

Corticale

Colonna in AP

Total body

Colonna in laterale

Collo femorale

Avambraccio ultradistale

Avambraccio prossimale

Calcagno

Avambraccio distale Falangi

Capacità predittiva delle varie metodiche L’indagine strumentale scelta deve rispondere a certe caratteristiche: precisione, accuratezza, riproducibilità, bassa dose radiante, bassi costi ed accessibilità (Tabella 7).

Tabella 7. Principali caratteristiche delle metodiche densitometriche Caratteristiche delle tecniche di misurazione della massa ossea

Tempo esame Precisione Accuratezza Dose(mRem) Costi

SPA

DPA

SXA

DEXA

QCT

PQCT

QUS

10’-15’

0’-40’

4’

1’-10’

10’-25’

10’-15’

5’

1-2

2-4

1-3

1-2

2-5

1

1-3

5

4-10

1-3

1-10

5-10

2-8

?

20 sigarette/die - abuso alcolico (>60 g/die di alcool) Fattori di rischio minori per gli uomini di età superiore a 60 anni: anamnesi familiare per severa osteoporosi inadeguato apporto di calcio magrezza (indice di massa corporea < a 19Kg/m2 carenza di vitamina D fumo >20 sigarette abuso alcolico (>60 g/die di alcool)

30

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla

Monitoraggio della BMD e follow-up terapeutico Attraverso la valutazione delle variazioni della massa ossea nel tempo si può sia monitorare l’efficacia della terapia in atto, sia identificare i pazienti che hanno una riduzione di massa ossea eccessiva. La riduzione media annua di BMD nelle donne in post-menopausa è dello 0,5-2%, mentre le terapie attualmente disponibili danno un incremento della stessa di circa 1-6% all’anno. Queste variazioni vanno commisurate con il cosiddetto “least-detectable change”, ovvero con la variazione minima rilevabile dalla tecnica utilizzata non attribuibile all’errore della misura. Non bisogna dimenticare che sono da ritenere comparabili solo le indagini densitometriche eseguite con lo stesso strumento in centri sottoposti a controllo di qualità. Per quanto riguarda il monitoraggio della densità minerale ossea, l’indagine più sensibile alle modificazioni longitudinali è la DEXA della colonna lombare, sempre che vengano escluse eventuali condizioni concomitanti che ne compromettono la precisione. Al giorno d’oggi, le densitometrie eseguite in siti periferici, sia a raggi X sia a US, e la DEXA total body sono ritenute non utilizzabili per il monitoraggio della terapia perché richiedono intervalli di tempo troppo lunghi per riuscire ad evidenziare le reali variazioni nel singolo paziente [49]. Quindi, nonostante alcuni studi abbiano dimostrato un significativo incremento dei parametri ultrasonografici, in particolare del calcagno, in pazienti trattati con farmaci anti-riassorbitori, non esiste ancora la possibilità di raccomandare l’ultrasonografia ossea per il monitoraggio terapeutico [50] (Tabella 8). Tabella 8. Utilizzo della DEXA Utilizzo clinico della densitometria ossea Diagnosi

Diagnosi di osteoporosi

Prognosi

Valutazione del rischio di frattura

Decisioni terapeutiche

Identificazione candidati idonei alla terapia

Monitoraggio

Valutazione delle variazioni della massa ossea

Tenendo conto che il fine più importante dell’indagine densitometrica è l’identificazione del rischio di frattura, l’indicazione all’esecuzione di una densitometria di controllo risulta correlata all’entità del rischio di frattura precedentemente rilevato [51]. La precisione diagnostica delle varie tecniche é espressa dal coefficiente di variazione (CV) in misure ripetute, che oscilla tra lo 0,5% ed il 3% a seconda delle tecniche (Tabella 9).

31

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi

Tabella 9. Intervallo minimo di tempo tra due misurazioni densitometriche in base al coefficiente di variazione Controlli in base al Coefficiente di Variazione (CV) DEXA rachide

CV < 1

1 anno

DEXA femore

1< CV < 2

1,5 – 2 anni

Densitometrie periferiche a RX o US

CV > 2

> 2 anni

CV = (DS / media) x 100

Sulla base di questo valore può essere quindi calcolata la “variazione minima rilevabile” (least detectable change), pari a circa 2,8 volte il CV, che a seconda della tecnica e del sito di esame é compreso tra l’1% e l’8%.

Conclusioni Le indicazioni all’esecuzione di una densitometria di controllo, sono le seguenti: - dopo almeno 18 mesi, solo se il risultato dell’esame è utile per modificare le decisioni cliniche sul singolo paziente; - dopo un intervallo di tempo più breve, ma non inferiore a 12 mesi, in determinate condizioni, come terapia cortico-steroidea ad alte dosi in atto, neoplasie maligne, iperparatiroidismi, immobilizzazione prolungata.

Bibliografia 1. 2. 3. 4. 5.

6. 7. 8.

Kushner P (1998) Osteoporosis: unmasking the silent epidemic. Hosp Med 34: 2526, 32-34, 37-39 Bengner U, Johnell O, Redlund-Jhonell I (1988) Changes in incidence and prevalence of vertebral fractures during 30 years. Calcif Tissue Int 42:293-296 Chrischilles EA, Butler CD, Davis CS, Wallace RB (1991) A model of lifetime osteoporosis impact. Arch Intern Med 151:2026-2032 Cummings RG, Nevitt MC, Cummings Sr (1997) Epidemiology of hip fractures. Epidemiol Rev 19:244-257 Riis BJ, Hansen NA, Jensen AM et al (1996) Low bone mass and fast rate of bone loss at menopause: equal risk factors for future fracture: a 15 years follow-up study. Bone 19:9-12 Cummings Sr, Black DM, Nevit MC et al (1993) Bone density at various site for prediction of hip fracture. Lancet 141:72-75 Ramzi RH, Osam KK (2004) Osteoporosis for the Home Care Physician, part 1: etiology and current diagnostic strategies. J Am Med Dir Assoc 5:192-196 Diez F (2002) Guide lines for the diagnosis of osteoporosis by densitometric methods. J of Man and Physiol Therap 25:403-415

32 9.

10.

11. 12. 13. 14. 15.

16.

17.

18.

19. 20. 21.

22.

23.

24.

25. 26.

27.

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla Marshall D, Johnell O, Wedel H (1996) Meta-analysis of how well measure of bone mineral density predict occurrence of osteoporotic fractures. Br Med J 312:12541259 Hodgson SF, Johnston CC (1996) AACE Clinical practice guide-lines for the prevention and treatment of post-menopausal osteoporosis. Developed by the American Association of Clinical Endocrinologists and the American College of Endocrinology Larcos G (1998) Predicting clinical discordance of bone mineral density. Mayo Clin Proc 73:824-828 Smith J, Shoukri K (2000) Diagnosis of osteoporosis. Clin Cornerston 2:22-33 Cosman F, Herrington B, Himmelstein S et al (1991) Radiographic absorptiometry. A simple method for determination of bone mass. Osteoporos Int 2:34-38 Organization Mondiale de la Santè (1994) Èvaluation du risqué de fracture et son application au dèpistage de ostèoporose post-mènopausique. Genève: OMS Campailla E, Mastidoro L, Causero A, Focolari G (1996) Markers biochimici di turnover osseo. In: L’osteoporosi e la sua diagnosi sonografica. Ed. Nuovagrafica Carpi Kelly TL, Slovik DM, Schoenfeld DA et al (1998) Quantitative digital radiography versus dual photon absorptiometry of the lumbar spine. J Clin Endocrinol Metab 67:839-844 Finkelstein JS, Cleary LR, Butler JP et al (1994) A comparison of laterale versus anterior-posterior spine dual energy X-ray absorptiometry for the diagnosis of osteopenia. J Clin Endocrinol Metab 78:724-730 Myers BS, Arbogast KB, Lobaugh B et al (1984) Improved assessment of lumbar vertebral body strength using supine lateral dual energy X-ray absorptiometry. J Bone Miner Res 9:687 European Commission. Report on osteoporosis in the European Community (1998) Action for prevention. Luxembourg: Eur-OP National Osteoporosis Foundation (1998) Physician‘s Guide to prevention and treatment of osteoporosis. Washington DC: NOF Eddy DM, Johnston ML, Cummings SR et al (1998) Osteoporosis: review of the evidence for prevention, diagnosis, treatment and cost-effectiveness analysis. Osteoporos Int 8:S3-S82 Yamada M, Ito M, Hayashi K et al (1994) Dual X-ray absorptiometry of the calcaneus: comparison with other techniques to assess bone density and value in predicting risk of spine fracture. Am J Roetgenol 163:1435-1440 Pacifici R, Rupich R, Griffin M et al (1990) Dual energy radiography versus quantitative computer tomography for the diagnosis of the osteoporosis. J Clin Endocrinol Metab 70:705-710 AACE Guidelines (2003) American Association of Clinical Endocrinologists medical guidelines for clinical practice for the prevention and treatment of postmenopausal osteoporosis: 2001 edition, with selected updates for 2003. Endocr Pract 9:54-64 Bauer DC, Gluer CC, Genant HK et al (1995) Quantitative ultrasound and vertebral fracture in post-menopausal women. J Bone Miner Res 10:353-358 Thompson P, Taylor J, Fisher A et al (1998) Quantitative heel ultrasound in 3180 women between 45 and 75 years of age: compliance, normal ranges and relationship to fracture history. Osteoporos Int 8:211-214 Bauer DC, Gluer CC, Cauley JA et al (1997) Broadband ultrasound attenuation predicts fractures strongly and independently of densitometry in older women. Arch Inter Med 157:629-634

Diagnosi strumentale dell’osteoporosi 28.

29.

30.

31.

32. 33. 34. 35. 36. 37. 38. 39. 40.

41.

42. 43.

44. 45. 46. 47. 48.

33

Khaw KT, Reeve J, Luben R et al (2004) Prediction of total and hip fracture risk in men at women by quantitative ultrasound of the calcaneus: EPIC-Norfolk prospective population study. Lancet 363:197-202 Diez-Perez A, Marin F, Vila J et al (2003) Evaluation of calcaneal quantitative ultrasound in a primary care setting as a screening tool for osteoporosis in postmenopausal women. J Clin Densitom 6:237-245 Varney LF, Parker LA, Vincelette A et al (1999) Classification of osteoporosis and osteopenia in post-menopausal women is dependent on site-specific analysis. J Clin Densitom 2:275-283 Marin F, Lopez-Bastida J, Diez-Perez A, Sacristan JA (2004) Bone mineral density referral for dual energy x-ray absorptiometry using quantitative ultrasound as a pre-screening tool in post-menopausal women from the general population: a costeffectiveness analysis. Calcif Tissue Int 74:277-283 Royal College of Physicians (1999) Osteoporosis, Clinical guidelines of prevention and treatment. London: RCP National Institutes of Health (2000) Consensus Development Conference on osteoporosis prevention, diagnosis and therapy Bethsda MD: NIH NIH Consensus Development Panel on Osteoporosis Prevention, Diagnosis, and Therapy (2001) Osteoporosis prevention, diagnosis and therapy. JAMA 285:785-795 Genant HK, Cooper C, Poor G, Reid I et al (1999) Interim report and recommendations of the WHO task force for osteoprosis. Osteoporos Int 10:259-264 Sociètè des Obstètriciens et Ginècologues du Canada (1998) Confèrence canadienne de consensus sur la mènopause e l’ostèoporose. J Soc Obstèt Ginècol Can 20:1-72 Agence Nazionale d’Accreditation et d’Èvaluation en Santè (2000) Les indications des measures quantitatives du tissue osseux: actualisation. Paris: ANAES Report of a WHO Study group (1994) Assessment of fracture risk and its application to screening for post-menopausal osteoporosis. WHO Tech Rep Ser 843:3-5 Kanis JA, Melton LJ III, Christiansen C et al (1994) The diagnosis of osteoporosis. J Bone Miner Res 9:1137-1141 Compston JE, Papapoulos SE, Blanchard F (1998) Report on osteoporosis in the European Community: current status and recommendations for the future. Working Party from European Union Member States. Osteoporos Int 8:531-534 Hanley DA, Josse RG (1996) Prevention and management of osteoporosis: consensus statements from the Scientific Advisory Board of the Osteoporosis Society of Canada. 1. Introduction. Can Med Assoc J 155:921-923 Siebzetner MI (2000) Consensus statement on prevention and treatment of osteoporosis. Isr Med Assoc J 2:397-401 NIH Consensus Development Conference on osteoporosis prevention, diagnosis and therapy (2000) Natcher Conference Center Nationale Institutes of Health. Betshda (MD) pp 27-29 National Osteoporosis Foundation. Physician’s guide to prevention and treatment of osteoporosis. (2003) Washington DC: NOF p 1 US Preventive Service Task Force (2002) Screening for osteoporosis in postmenopausal women: recommendations and rationale. Ann Intern Med 137:526-528 Gambacciani M, de Aloysio D, Elia D et al (2004) Quantitative ultrasound (QUS) of bone in the management of post-menopausal women. Maturitas 47:139-149 Jeandel C (2004) Mèthodes diagnostiques de l’osteoporose post-menopausique et leurs indications. La revue de medicine interne 25:S538-S542 Guggenbuhl P, Meadeb J, Chales G et al (2005) Osteoporotic fractures of the proximal humerus, pelvis and ankle: epidemiology and diagnosis. Join Bone Spine 72:372-375

34 49. 50. 51.

A. Causero, A. Beltrame, P. Di Benedetto, E. Campailla Koh L (2004) Osteoporosis: assessment for diagnosis, evaluation and treatment. J Men’s Health & Gender 1:204-214 Laugier P (2004) An overview of bone sonometry. International Congress Series 1274:23-32 Kaplan RJ, Vo AN, Stitik TP et al (2005) Rehabilitation of orthopedic and rheumatologic disorders. 1. Osteoporosis assessment, treatment, and rehabilitation. Arch Phys Med Rehabil 86[Suppl 1]:S40-S47

Le fratture da fragilità ossea: l’incompetenza meccanica del tessuto scheletrico C. GARCIA PARRA, P.M. BOSELLI, C. TREVISAN, E.C. MARINONI

Introduzione L’incidenza dell’osteoporosi associata alle fratture di colonna vertebrale, di femore e di radio è in continuo aumento[1]. Le fratture da compressione vertebrale sono le più precoci e comuni fratture causate dall’osteoporosi; la loro prevalenza aumenta costantemente con l’età passando dal 20% nelle donne cinquantenni in menopausa al 64,5% nelle donne più anziane e in America si stima che la loro incidenza sia di circa 700.000/anno, un terzo delle quali provoca dolore cronico [2]. Negli ultimi anni uno studio sulla popolazione svedese ha evidenziato un incremento dell’incidenza delle fratture di femore, dal 4,5 al 6,5 per 1000 cittadini e un’età media al momento dell’evento fratturativo aumentata rispetto agli ultimi 30-40 anni: più della metà dei pazienti ha un’età media superiore a 80 anni [3]. Si tratta quindi di un problema che grava sulla spesa sanitaria mondiale tanto che si ipotizza che nel 2050 il costo globale del trattamento delle sole fratture di femore raggiungerà 131 miliardi di dollari [4]. La funzionalità del sistema neuromuscolare o la presenza di agenti ambientali, influenzando la probabilità di cadere a terra, sono importanti fattori che determinano il rischio di frattura. Tuttavia quest’ultimo è determinato maggiormente dalla capacità dell’osso di svolgere adeguatamente la sua funzione principale, quella di sostegno. L’osso è in grado di adempiere a questa funzione per mezzo della sua competenza meccanica (CM), definita come la capacità dell’osso di resistere al carico. La CM è influenzata da fattori quantitativi e qualitativi. La quantità ossea è espressa dalla densità minerale

Clinica Ortopedica dell’Università Milano-Bicocca, Ospedale S. Gerardo, Monza

36

C. Garcia Parra, P.M. Boselli, C. Trevisan, E.C. Marinoni

ossea (Bone Mineral Density, BMD). La qualità ossea considera la morfologia e la struttura dell’osso, la sua composizione chimica, la vitalità delle cellule ossee e le proprietà micro-macromeccaniche [5]. Il metodo migliore per valutare direttamente la CM è un test meccanico-funzionale in vitro, ma questa metodica non è applicabile nella pratica clinica. Dal momento che il fattore maggiormente influenzante la CM è la BMD (in vitro quasi il 70%) e poiché questo valore può essere misurato con metodiche non invasive (DEXA e TC), la valutazione della BMD diventa nella pratica clinica quotidiana il metodo più diretto per valutare la CM [6]. Esiste una correlazione significativa tra la BMD apparente (porosità) e le differenti proprietà meccaniche dell’osso [7]. Dall’età di 20 anni nell’osso corticale si ha la perdita del 5% di CM per ogni decade, pertanto in un individuo di ottant’anni questo valore può essere ridotto del 50%; nell’osso trabecolare questa perdita è maggiore, raggiungendo il 70% in individui anziani [8]. Inoltre l’osso trabecolare, pur rappresentando solo il 20% della massa ossea totale, è responsabile dell’80% del turn-over osseo ed è principalmente rappresentato nelle zone epifisarie articolari. Pertanto nell’individuo osteoporotico si verificano con più facilità fratture articolari, che hanno una gravità maggiore e sono più difficili da trattare. Per meglio comprendere la natura della fragilità dello scheletro è utile distinguere i fattori che alterano il comportamento meccanico dell’osso, inteso come una struttura tridimensionale (caratteristiche strutturali), da quelli che alterano il comportamento meccanico proprio del tessuto osseo (caratteristiche materiali). Le proprietà strutturali sono determinate dalla dimensione e dalla forma dell’osso mentre le proprietà del materiale osseo riflettono le sue caratteristiche intrinseche e non dipendono dalle dimensioni dell’osso [9]. Quando l’osso viene sottoposto ad un carico subisce una deformazione caratterizzata da una curva carico-deformazione che ne definisce le caratteristiche strutturali. Finché il carico non raggiunge un certo limite, esiste una relazione lineare fra carico applicato e deformazione subita dal tessuto osseo: in questo intervallo, alla rimozione del carico l’osso riacquista la sua conformazione iniziale (deformazione elastica), oltre tale limite, invece, l’osso subisce una deformazione permanente e non è più in grado di tornare alla sua struttura iniziale (deformazione plastica). La pendenza della curva caricodeformazione durante la deformazione elastica definisce la rigidità dell’osso (stiffness). Se il carico continua ad aumentare si raggiunge il punto di rottura (failure load) al di là del quale la struttura subisce un danno catastrofico. L’energia necessaria per raggiungere il punto di rottura viene calcolata come l’integrale della curva carico-deformazione (work to fracture) (Fig.1). Per definire le caratteristiche materiali o intrinseche del tessuto osseo si devono eliminare le variabili legate alle caratteristiche geometriche dei cam-

Le fratture da fragilità ossea: l’incompetenza meccanica del tessuto scheletrico

37

Fig. 1. Curva carico-deformazione è utilizzata per descrivere le caratteristiche di un campione

pioni in esame. Mediante test meccanici condotti su campioni con geometria standardizzata e in condizioni controllate, quando si applica un carico sul campione di tessuto osseo è possibile determinare la deformazione subita in ogni punto (strain) e l’intensità della forza che genera questa deformazione (stress). La curva stress-strain che caratterizza la deformazione materiale può essere derivata dalla curva carico-deformazione, enunciata in precedenza, sostituendo il carico con lo stress e la deformazione con lo strain. In un carico in compressione lo stress è determinato dal rapporto fra la forza di carico e l’area del campione perpendicolare alla direzione della forza mentre lo strain è calcolato come il rapporto fra la deformazione e la lunghezza iniziale del campione. Nella curva stress-strain aumentando progressivamente lo stress è possibile determinare: un’area di relazione lineare stress-strain (deformazione elastica), una regione di limite all’elasticità, un modulo di elasticità, un’area di deformazione plastica e, infine, un punto di rottura. La quantità di stress presente quando si arriva al punto di rottura è definita come la resistenza al carico (ultimate strength). L’area sottesa dalla curva stress-strain definisce il lavoro per unità di volume necessario a deformare e fratturare il campione di materiale (durezza o toughness) (Fig. 2). Osservando la curva stress-strain nella regione che precede e che segue il punto limite di elasticità si possono ricavare informazioni importanti circa la capacità del materiale ad accumulare danni. Un materiale il cui punto di rottura è vicino alla zona limite di elasticità è un materiale fragile che sopporta piccole deformazioni plastiche prima di rompersi (brittle); l’opposto accade in un materiale in grado di sopportare una grande deformazione prima di rompersi (ductile). Un’altra caratteristica meccanica del tessuto osseo è quel-

38

C. Garcia Parra, P.M. Boselli, C. Trevisan, E.C. Marinoni

Fig. 2. Curva stress-strain per forze longitudinali (L) e trasversali (T) in campioni di osso corticale. In campioni soggetti a forze di compressione, il carico e la deformazione subita possono essere convertiti in stress e strain dividendo il primo per l’area trasversale (Cross-Sectional Area, CSA) e il secondo per la lunghezza iniziale. Evidente l’anisotropia dell’osso, campioni sottoposti a forze longitudinali sono significativamente più resistenti al carico rispetto a campioni sottoposti a forze trasversali

lo di avere proprietà elastiche che dipendono dalla direzione della forza di carico/stress e viene perciò definito materiale anisotropico. Ad esempio l’osso corticale della diafisi femorale ha un modulo di elasticità maggiore quando il carico è longitudinale rispetto al carico su di un piano trasversale [10]. Il modulo di elasticità e la resistenza al carico dell’osso corticale e trabecolare diminuiscono con l’aumento dell’età in entrambi i sessi. La diminuzione media nella corticale del femore è di 2,1% per ciascuna decade quando si applicano forze in tensione e 2,5% per decade sotto forze in comprensione [11]. Durante l’invecchiamento si verifica anche una diminuzione della densità apparente dell’osso trabecolare come se diminuisse non solo la quantità totale di osso ma anche l’integrità della rete trabecolare. Carter e Hayers per primi enunciarono l’esistenza di una relazione esponenziale (con esponente vicino a 2) fra la densità apparente e la resistenza al carico (strength) dove piccole variazioni di densità ossea portavano a grandi variazioni di resistenza al carico (Fig. 3) [12]. Mosekilde e coll. [13] convalidarono questa ipotesi con uno studio sulle proprietà meccaniche delle vertebre dimostrando che a una diminuzione del 50% della loro densità ossea in un range di età dai 20 a 80 anni corrispondeva una diminuzione del 75%-90% delle caratteristiche materiali come modulo di elasticità, work to failure, ultimate strength (Tabella 1). Le proprietà meccaniche dell’osso corticale e dell’osso trabecolare sono strettamente correlate con la densità apparente, altrimenti detta porosità, e con il grado di mineralizzazione della matrice ossea. Il 60%-90% della varia-

Le fratture da fragilità ossea: l’incompetenza meccanica del tessuto scheletrico

39

Fig. 3. Relazione esponenziale fra densità apparente (g/cm3) e resistenza al carico (MPa). Esponente di circa 2 [12]

Tabella 1. Variazioni in base all’età delle principali caratteristiche materiali in un campione osseo di trabecole orientate verticalmente [13] Osso Spongioso (compressione longitudinale) % per decade

Correlazione con età (r)

Resistenza al carico

-12,8%

-0,79 (p < 0,001)

Modulo di elasticità

-13,5%

-0,83 (p < 0,001)

Work to fracture

-14,0%

-0,75 (p < 0,001)

zione del modulo d’elasticità e della resistenza al carico dell’osso trabecolare può essere spiegato da una relazione matematica con la porosità [13]. Più dell’80% delle variazioni del modulo d’elasticità dell’osso corticale può essere correlato con la porosità e il grado di mineralizzazione della matrice. Generalmente durante l’invecchiamento il grado di mineralizzazione della matrice aumenta generando un osso corticale più rigido ma con caratteristiche meccaniche di maggior fragilità [14]. Da questi studi emerge anche che la densità ossea, pur giocando un ruolo predominante, non è sufficiente a spiegare da sola tutte le variazioni a carico delle caratteristiche meccaniche dell’osso trabecolare.

40

C. Garcia Parra, P.M. Boselli, C. Trevisan, E.C. Marinoni

Osservazioni empiriche e analisi teoriche indicano che la microarchitettura trabecolare ha un ruolo centrale nella determinazione delle proprietà meccaniche dell’osso. Essa è caratterizzata da: spessore e numero delle singole trabecole e da distanza e interconnessioni tra le medesime. Le variabili della microarchitettura trabecolare sono strettamente correlate sia tra di loro sia alla densità ossea. In particolare, numero, spessore e interconnessioni delle trabecole diminuiscono al diminuire della densità mentre aumentano distanza e anisotropia. È stato dimostrato che la microarchitettura trabecolare potrebbe avere un ruolo indipendente dalla densità ossea nell’eziologia delle fratture [15]. Silvia e Gibson [16] hanno evidenziato che la riduzione del numero delle trabecole diminuisce la resistenza al carico di 2-5 volte rispetto alla riduzione dello spessore delle trabecole a parità di densità ossea. Inoltre, rimuovendo le trabecole con orientamento longitudinale fino ad avere una riduzione della densità ossea del 10% si ha una riduzione della resistenza al carico del 70% mentre riducendo lo spessore delle trabecole fino ad ottenere la stessa riduzione di densità (10%) si verifica una riduzione della resistenza di appena 20%. Pertanto, all’avanzare dell’età, è importante che sia conservato il numero di trabecole al fine di preservare la resistenza ossea al carico. Anche altri fattori possono influenzare le caratteristiche meccaniche dell’osso come il tipo di ossificazione (osteonica o primaria), la percentuale di rimodellamento osteonico, il contenuto di collagene o la presenza di danni microstrutturali. Infatti l’incidenza di questi ultimi sembra aumentare con l’età secondo un fattore esponenziale ed è sempre superiore nel sesso femminile; inoltre il loro accumulo sembrerebbe favorire una diminuzione della massa ossea [17]. Fenomeni di redistribuzione dell’osso corticale e dell’osso trabecolare nello scheletro degli arti avvengono durante l’invecchiamento e non dipendono solo dall’età o dal sesso ma anche dal tipo di sollecitazioni o da particolari segnali biochimici come l’espressione (locale o sistemica) di citochine o di fattori di crescita; in generale si verifica un riassorbimento dell’osso endostale e un’apposizione di osso periostale che porta ad un aumento del diametro dell’osso e a una riduzione dello suo spessore alterando così la sua macrostruttura. Questa redistribuzione consente all’osso di sopportare meglio carichi su piani trasversali e carichi in torsione: le direzioni che sottopongono lo scheletro degli arti al massimo stress. L’area momento di inerzia (CSMI = Cross Section Moment of Inertia) definisce quantitativamente la distribuzione della massa intorno al centro strutturale di un materiale [18]. Sebbene la resistenza al carico in compressione ed in trazione sia direttamente proporzionale all’area di sezione perpendicolare (CSA = CrossSectional Area), la resistenza alla torsione e ai carichi trasversali non dipende prevalentemente dal quantitativo di osso (CSA) ma dalla sua distribuzione intorno al centro strutturale (CSMI) (Fig. 4).

Le fratture da fragilità ossea: l’incompetenza meccanica del tessuto scheletrico

41

Fig.4. Influenza dell’area di momento di inerzia (CSMI) sulla resistenza al carico di una struttura circolare [18]

Questa redistribuzione del tessuto osseo è stata osservata anche nei corpi vertebrali sebbene di entità nettamente inferiore [19]. Beck e coll. nel loro studio suggerirono che nella donna dopo la menopausa, periodo in cui si ha una perdita accelerata della massa ossea, a differenza dell’uomo, non si aveva un’alterazione della geometria del femore sufficiente a compensare il deficit meccanico risultante dall’invecchiamento [20]. I cambiamenti della qualità ossea che maggiormente si riflettono sulle proprietà meccaniche dell’osso riguardano la microstruttura, il grado di mineralizzazione e la porosità. Per capire il differente peso che ognuno di questi fattori ha nel determinare la CM è stato condotto uno studio su 225 sezioni di osso corticale ottenute da 47 femori di cadaveri con un’età compresa tra i 20 e i 102 anni così da ottenere un campione con il più ampio range di valori [21]. Si è visto che è la porosità ad essere strettamente legata alla CM (Competenza Meccanica) con un rapporto inversamente proporzionale, determinandone da sola ben il 76% del suo valore [22]. La porosità dell’osso aumenta significativamente con l’età (p
View more...

Comments

Copyright � 2017 UPDOC Inc.